Home page  |  Il Progetto  |  contattaci
Introduzione
 
- Prefazioni
- Il progetto
- Storia delle Medaglie
- Chi siamo
- Dedicato a ...
 
Il libro dei decorati
Storie di Decorati
Le famiglie dei decorati
Ricerca avanzata
Le decorazioni



 
 
> ... / Dedicato a ... / Storie di Decorati  
Stampa/Print
Bonazzoli Don Ugo

Don Ugo BONAZZOLI“1943,  prete ed eroe”  di Gino Girolomoni.
Nel settimanale della mia Diocesi, il nuovo amico, un tenente colonnello, Luigi Leonardi, lancia un appello per avere notizie di un cappellano morto in Russia nel 1943, medaglia d’Argento al Valore Militare, don Ugo Bonazzoli.
Poiché questo eroico sacerdote è stato Parroco a Isola del Piano dal 1935 al 1938, essendo persona informata dei fatti, lo accontento, rendendo così testimonianza ad una categoria sempre più rara, quelli che sono disposti a dare non soltanto il proprio tempo al prossimo, ma persino la vita. Traggo le informazioni da un libro su lui che il mio vecchio Parroco don Ciro Zanca pubblicò nel 1979 su commissione dell’Arcivescovo di Urbino Ugo Donato Bianchi.

Don Ugo nacque a Fontecorniale nel 1912 e divenne sacerdote il Sabato Santo del 1935. In un foglio manoscritto impresse il suo impegno spirituale : "Che io sia il tuo dono pasquale, Signore!".  E poiché sappiamo quale sia questo dono, l’Agnello sacrificato, dobbiamo constatare che per don Ugo andò proprio così.
Due testimonianze su di lui, la prima di Monsignor Giuseppe Rinaldini che lo sostituirà ad Isola del Piano e che avrà modo di frequentarlo prima della partenza per la guerra in Russia. "Quando veniva a darmi una mano, nelle feste più importanti, rimaneva con me a pranzo e a cena e si fermava per la notte per ripartire il mattino in bicicletta o a piedi, secondo la stagione. Mangiava con molta parsimonia, senza pretese. Al mattino quando mia madre andava a rimettere a posto la camera trovava il letto intatto e mi chiedeva dove avesse dormito quel benedetto uomo e io lo sapevo: in chiesa, per terra, dietro l’altare per essere più vicino al Sacramento".

Poi, in un giorno di luglio del 1942, chiese di partire volontario per la Russia come cappellano e fu assegnato al 3° Reggimento Bersaglieri di Bologna. A chi cercava di dissuaderlo dall’intento rispondeva che là c’erano padri di famiglia e parrocchiani che avevano bisogno di lui.

L’altra testimonianza è del capitano medico Manlio Ponticelli, direttore dell’ospedale 837 a Millerowo, vicino Woroscilovgrad :
"L’ho visto portare la barella, l’ho visto trasportare i feriti, l’ho visto raccogliere i morti. Ogni mattina all’alba lasciava il suo letto vicino al mio per andare nelle trincee a dire la Santa Messa ed amministrare la Comunione, poi tornava nell’ospedale a confortare i feriti. Poi usciva di nuovo per scavare le tombe e seppellire i morti, poi rientrava per mettere da parte i loro documenti, di giorno, di notte, sotto le bufere, sotto le bombe nemiche. Quando il mio ospedale ebbe l’ordine di ripiegare su Woroscilovgrad, quando cioè per tutti noi c’era la possibilità di lasciare il pericolo don Ugo mi chiese di restare, insistette, perché negli altri ospedali mancavano i cappellani".

Il generale della VII armata Carlo Biglino renderà una commovente testimonianza al nostro Eroico e giovanissimo sacerdote che lascerà la propria vita a Millerowo a 31 anni e per il quale non basta una medaglia d’Argento per rendergli onore, ma occorre la testimonianza e il ricordo delle generazioni che verranno.

Stampa/Print
 
 Home page  |   Il Progetto  |   contattaci

PORTALE delle MEMORIE dei combattenti decorati al Valor Militare della Provincia di Pesaro e Urbino. 

Tutto il materiale contenuto in questo Portale è soggetto a diritti di proprietà ; può essere stampato solo per uso privato e  può essere utilizzato e riprodotto per altri scopi, solo previa autorizzazione dell'Istituto del Nastro Azzurro, Federazione Provinciale di Pesaro e Urbino. 

 

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare
l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa