Home page  |  Il Progetto  |  contattaci
Introduzione
 
- Prefazioni
- Il progetto
- Storia delle Medaglie
- Chi siamo
- Dedicato a ...
 
Il libro dei decorati
Storie di Decorati
Le famiglie dei decorati
Ricerca avanzata
Le decorazioni



 
 
> ... / Dedicato a ... / Storie di Decorati  
Stampa/Print
Leonardi Libero

Libero Leonardi era nato a Fano il 25 Marzo 1895, ultimo di ben dieci figli.  Ancora in tenera età ebbe a patire la morte del padre Carlo, cui seguì il trasferimento della famiglia a Pesaro ove, Libero, proseguì con profitto gli studi.
Diplomato ragioniere la successiva iscrizione alla facoltà di scienze economiche e commerciali presso l'ateneo di Roma, coincise con l'inizio della prima Guerra mondiale.  Evento che non poteva non sollecitare le radicate tradizioni patriottiche familiari dello studente e spingerlo a partire volontario.  Assegnato al II Reggimento Artiglieria di stanza a Pesaro - comandante il cugino, Colonnello Lamberti Bocconi - vi frequentava il corso Allievi Ufficiali di Complemento conseguendo la nomina a Sottotenente il 15 Luglio 1915.
Trasferito a Casale e preso servizio al I Reggimento Artiglieria pesante campale, il giovane Ufficiale veniva ben presto inviato in zona di guerra : l'inizio del suo pieno e totale coinvolgimento nel conflitto sino al vittorioso epilogo, distinguendosi per capacità e valore.  
Ne è conferma l' Encomio Solenne - poi commutato in Medaglia di Bronzo al V.M. - meritato in data 10 Luglio 1917 e la promozione al grado di Tenente in Servizio Permanente Effettivo per merito di guerra : primi significativi momenti di una lunga e brillante carriera nell'Esercito, conclusa nel Marzo 1951.
Nel primo dopoguerra (1923), mentre fungeva da istruttore al personale di un reparto "esploratori ",  cadeva da cavallo procurandosi varie ferite.  Tre anni dopo (1926) frequentava - a domanda - il 3° Corso di Osservazione Aerea con specializzazione particolare alla "osservazione del tiro", durante il quale un incidente di volo, avvenuto in Aprile, a Roma, riportava ferite plurime agli arti.  
Il Regio Esercito, considerata la notevole esperienza acquisita dal Ten. Leonardi nella particolare Specialità, decideva di servirsene destinandolo - dal 1929 - ai Reparti Coloniali d'Africa presso i quali le doti professionali e l'elevato spirito di servizio trovavano piena conferma.
Infatti, tra il 1929 ed il 1934, l'attività di "riconquista territoriale" e di "polizia coloniale" svolta in Libia - Oasi di Cufra, Gebel Cirenaico, Sirtica, lo vedevano ovunque presente ricevendo il concreto apprezzamento dei superiori che portava al conferimento di una Croce di Guerra e di una prima Medaglia d'Argento al V.M. nonché l'autorizzazione a fregiarsi della Medaglia commemorativa della guerra italo-turca assieme alla Croce di Cavaliere dell'Ordine coloniale della Stella d'Italia
Ed era sempre e ancora  Africa (Orientale) negli anni '36 e '37, protagonista di difficili e rischiose missioni sul territorio etiopico guadagnandosi una seconda Medaglia d'Argento al V.M..
Dopo il rimpatrio, visto che l'intensa attività di Osservatore l'avevano condotto ad appassionarsi al volo, decideva di frequentare un Corso di pilotaggio e brevettarsi "pilota civile" (1939).   Ricoprendo incarichi di maggiore responsabilità e sempre in prima linea, la 2^ Guerra Mondiale lo trovava attivo - dal 1941 al 1943 - sul fronte Greco-Albanese e in Jugoslavia (Croazia e Dalmazia ).

Subito dopo l'8 Settembre 1943, in forza al 16° Reggimento Artiglieria da Fortezza, schierato in Sardegna, prendeva parte alle operazioni di evacuazione contro le truppe germaniche.  Conseguito il grado di Colonnello, nel 1944 gli veniva affidato il comando del 34° Reggimento Artiglieria da Fortezza.  Fra il 1926 ed il 1943, l'Ufficiale Osservatore Libero Leonardi aveva all'attivo ben 1.500 ore di volo .

 

Stampa/Print
 
 Home page  |   Il Progetto  |   contattaci

PORTALE delle MEMORIE dei combattenti decorati al Valor Militare della Provincia di Pesaro e Urbino. 

Tutto il materiale contenuto in questo Portale è soggetto a diritti di proprietà ; può essere stampato solo per uso privato e  può essere utilizzato e riprodotto per altri scopi, solo previa autorizzazione dell'Istituto del Nastro Azzurro, Federazione Provinciale di Pesaro e Urbino. 

 

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare
l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa