Home page  |  Il Progetto  |  contattaci
Introduzione
 
- Prefazioni
- Il progetto
- Storia delle Medaglie
- Chi siamo
- Dedicato a ...
 
Il libro dei decorati
Storie di Decorati
Le famiglie dei decorati
Ricerca avanzata
Le decorazioni



 
 
> ... / Dedicato a ... / Storie di Decorati  
Stampa/Print
Michelini Tocci Franco

Terzo di quattro figli - il padre Comm. Agostino, avvocato e Presidente provinciale - Franco MICHELINI TOCCI era nato a Cagli il 28 Febbraio 1899.  
Studente con profitto si era iscritto alla facoltà di ingegneria presso l'Università di Roma benché la famiglia, di nobili proprietari terrieri, avesse per lui previsto indirizzi professionali più consoni ai propri interessi.  

Con la Grande Guerra in corso, veniva chiamato alle armi nel 1917  mentre stava frequentando il primo anno universitario.  
Allievo Ufficiale alla Scuola di Fanteria a Caserta, ne usciva Sottotenente assegnato al 6° Reggimento Alpini .
Dopo Caporetto, Franco era uno dei tanti "ragazzi del 99" che con grande entusiasmo e generoso slancio contribuirono in modo determinante ad invertire le sorti del Conflitto e creare le premesse per il suo vittorioso epilogo.   Non senza un grande tributo di sangue .
Sotto questo punto di vista, la decisiva resistenza dei reparti Alpini sul "cardine" del Monte Grappa nell'Ottobre 1918, ed in particolare i combattimenti asperrimi di Cima Valderoa, sono passati alla storia tanto dall'essere il soggetto di una delle celebri oleografie di Achille Beltrame apparse sulla "Domenica del Corriere".

E a Cima Valderoa si immolava anche il giovane Sottotenente, mentre alla testa dei suoi uomini guidava l'ennesimo contrassalto : riordinando le fila dopo una prima sosta e incitando poi a rendere più travolgente l'impeto dell'azione.  Incurante del nutrito fuoco opposto dal nemico con mitragliatrici e bombe a mano, faceva di sè stesso un esempio da seguire ma anche un "bersaglio" da abbattere.    Era una bomba a mano, esplosa ai suoi piedi, che - pistola in pugno - lo faceva cadere con il ventre squarciato.  
Secondo concordi testimonianze - conscio della fine - pregava compagni e soccorritori di lasciarlo solo per continuare l'azione in corso con rinnovata determinazione palesandosi la vittoria ormai certa . 

Stampa/Print
 
 Home page  |   Il Progetto  |   contattaci

PORTALE delle MEMORIE dei combattenti decorati al Valor Militare della Provincia di Pesaro e Urbino. 

Tutto il materiale contenuto in questo Portale è soggetto a diritti di proprietà ; può essere stampato solo per uso privato e  può essere utilizzato e riprodotto per altri scopi, solo previa autorizzazione dell'Istituto del Nastro Azzurro, Federazione Provinciale di Pesaro e Urbino. 

 

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare
l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa